Seguici su mobile

Piano di Protezione Civile

Piano di Protezione Civile

logo_piano_di_protezione_civile_silius

In caso di emergenza, mantenere sempre la calma, allontanarsi possibilmente dalla zona di pericolo e aiuto, se possibile chiamare subito i numeri telefonici d'emergenza: 112 oppure il 113 oppure il 1515 e subtito dopo il 118 per le emergenze sanitarie

Il Piano Comunale di Emergenza di Protezione Civile è uno strumento indispensabile per fronteggiare le emergenze in aree soggette a rischio di calamità naturali ed antropiche.

E’ strumento necessario anche quando tali fenomeni si sviluppano con ridotta frequenza anche a seguito d’interventi strutturali che comportano, in ogni caso, il perdurare di un rischio residuale.

Il Piano di Emergenza è il supporto operativo al quale il Sindaco, massima autorità locale di protezione Civile, si riferisce per gestire l'emergenza col massimo livello di efficacia, in quanto è volto:

- a conoscere le vulnerabilità territoriali ed antropiche,
- ad organizzare una catena operativa finalizzata al superamento dell'evento.

Il Sindaco può disporre quindi di un valido riferimento che determinerà un percorso organizzato in grado di sopperire alla confusione conseguente ad ogni evento calamitoso.

Il Piano è sostanzialmente costituito da un insieme di documenti, periodicamente aggiornati, che riassumono tutti quegli elementi utili agli operatori di Protezione Civile e indispensabili per prevenire e fronteggiare le differenti emergenze.

Il Piano Comunale di Emergenza di Protezione Civile, quindi:

• Individua le possibili criticità sul territorio comunale dovute a situazioni idrogeologiche e geomorfologiche e possibili inondazioni marine note oltre a riportare le aree percorse e di previsione di possibili incendi boschivi – i dati sono desunti da piani e documenti regionali, provinciali;

• Riporta graficamente anche gli edifici con possibile popolazione passiva (scuole, centri anziani..) da porre in attenzione in caso di eventi non programmabili;

• Segnala altresì le possibili risorse presenti sul territorio ma soprattutto individua le AREE DI ATTESA e DI ACCOGLIENZA della popolazione da attivarsi in caso di eventi del tipo sismico o comunque che determino l’abbandono di alcune aree comunali con la necessità successiva di formazione di tendopoli, oltre a definire le AREE DI AMMASSAMENTO DELLE RISORSE necessarie per collocare mezzi e quanto altro fornito ad aiuto dell’emergenza;

Il Piano di Protezione Civile, è stato adottato nel 2014 ed è ora in fase di revisione ed aggioramento con il contestuale aggiornamento del Piano Intercomunale adottato all'interno della funzione associata dell'Unione dei Comuni del Gerrei.

Di seguito le tavole ed il Piano suddivo in due macroaree

-Piano di protezione Civile rischio idraulico e idrogeologico

-Piano rischio incendio e d'interfaccia